Lavoro precario e rappresentanza [L’ALTRA TORINO]


In occasione delle elezioni dei rappresentanti sindacali (RSU) la FLC CGIL di Torino ha promosso in alcune realtà scolastiche la elezione di rappresentanti dei lavoratori precari. Secondo i regolamenti vigenti un precario non può essere eletto, ma gode soltanto del diritto passivo al voto. La segreteria nazionale della CISL si è opposta al tentativo della segreteria provinciale della CGIL torinese.

L’Altra Torino infilerà il coltello della critica nella vicenda. Con un’ambizione: approfittare della cronaca dei fatti per allargare il campo della riflessione. A quale livello di democrazia ha accesso un lavoratore precario? Come si pone il sindacato nei confronti dei lavoratori precari? E ancora, quali sono i rapporti fra lavoro della conoscenza, diritti sindacali e forme di rappresentanza?

Parteciperanno:

Igor Piotto, Segreteria provinciale FLC CGIL
Un esponente del Coordinamento precari della CGIL Torino
I ragazzi di Knowledge Workers, una nuova prospettiva sul lavoro della conoscenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: