Archivi categoria: L’altra Torino

AltraEuropa: il continente all’alba della tornata elettorale [L’Altra Torino]


Nelle ultime due settimane l’Europa e le sue istituzioni hanno attraversato fuochi incrociati di tornate elettorali dal sapore epocale, proteste di massa, cadute di governi e scandali di corruzione. Tra l’austerity tedesca e la “rivoluzione pacifica” invocata da SYRIZA in Grecia, passando per la “presidènce normal” di Francois Hollande, la morfologia del continente sta cambiando profondamente. In che direzione? Verso quali orizzonti? Quali scenari si apriranno oggi, all’alba di una svolta politico-elettorale immersa in narrrazioni melense e speranze di cambiamento?

L’AltraTorino, il programma più cool dopo Good Morning Vietnam, si è immersa nel marasma europeo per cercare di dipanare la matassa degli orizzonti possibili. Ne parleremo in studio con esponenti della politica torinese.

venerdì 11 maggio – ore 19

Interverranno:

Paolo Ferrero – Segretario di Rifondazione Comunista

Roberto Mastroianni – Partito Democratico, laboratorio socialdemocratico

Fabrizio Biolé – Movimento 5 Stelle, consigliere regionale


Dentro il carcere [L’Altra Torino]


L’Altra Torino esplora un nuovo anfratto nascosto nel tessuto urbano: le carceri.

 

Dopo le ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti dei militanti NoTav, vogliamo raccontare gli spazi di reclusione nella routine quotidiana. Come si ripete la vita là dentro, ogni giorno? Quali strategie di controllo e quali tecniche di potere avvolgono i corpi dei detenuti? Quali forme di politica si riproducono nei corridoi dell’ora d’aria?

Durante la diretta avremo in collegamento telefonico Jacopo Bindi, attivista politico e studente universitario. Jacopo ha vissuto il suo periodo di reclusione in seguito alle ordinanze emesse tre mesi fa dalla Procura di Torino. Cercheremo di comprendere la vita dentro il carcere attraverso i suoi racconti, le sue testimonianze.


#OccupyBenzinaio [L’Altra Torino]


L’Altra Torino si immerge nella cronaca alla ricerca di nuovi sguardi sul presente. Questa settimana ci occuperemo dello Spazio Giulio Cesare, il “chiosco” del benzinaio occupato dalla destra. Le associazioni protagoniste dell’occupazione sono due: “rompicapo”, attiva nella socialità del quartiere e un’associazione di aiuti umanitari per le minoranze serbe del Kosovo.
Poi sono giunti il comunicato di solidarietà emesso dal FUAN e l’appoggio istituzionale garantito dal consigliere comunale Marrone.

Quale destra ha occupato?

A chi afferiscono le due associazioni?

Quale dialettica è nata fra le istituzioni e gli occupanti? Il presidente di circoscrizione si è opposto all’occupazione, ma a sostegno è intervenuto anche Tricarico, Pd.

Come intende la destra il rapporto fra legalità, occupazione degli spazi urbani e agibilità della politica?

Risponderemo alle domande insieme ai nostri ospiti.

Interverranno:

Maurizio Marrone, consigliere comunale, PdL.

Nadia Conticelli, presidente Circoscrizione 6.


Lavoro precario e rappresentanza [L’ALTRA TORINO]


In occasione delle elezioni dei rappresentanti sindacali (RSU) la FLC CGIL di Torino ha promosso in alcune realtà scolastiche la elezione di rappresentanti dei lavoratori precari. Secondo i regolamenti vigenti un precario non può essere eletto, ma gode soltanto del diritto passivo al voto. La segreteria nazionale della CISL si è opposta al tentativo della segreteria provinciale della CGIL torinese.

L’Altra Torino infilerà il coltello della critica nella vicenda. Con un’ambizione: approfittare della cronaca dei fatti per allargare il campo della riflessione. A quale livello di democrazia ha accesso un lavoratore precario? Come si pone il sindacato nei confronti dei lavoratori precari? E ancora, quali sono i rapporti fra lavoro della conoscenza, diritti sindacali e forme di rappresentanza?

Parteciperanno:

Igor Piotto, Segreteria provinciale FLC CGIL
Un esponente del Coordinamento precari della CGIL Torino
I ragazzi di Knowledge Workers, una nuova prospettiva sul lavoro della conoscenza.


Il Movimento NoTav e gli arresti – intervista esclusiva a Gian Carlo Caselli [L’ALTRA TORINO]


Venerdì 10 febbraio

ore 19

dibatitto critico e analisi a partire da un’intervista esclusiva con Gian Carlo Caselli

L’ordinanza di arresto cautelare ha influito notevolmente sul panorama politico nazionale e sembra aver segnato in profondo anche le diverse soggettività protagoniste di questa vicenda: il movimento NoTav, le forze politiche e istituzionali, gli organi della magistratura  il network antagonista sono stati coinvolti nel dibattito pubblico delle ultime settimane. I temi sollevati sono molteplici: le modalità di lotta in valle, il compito delle forze dell’ordine e dello Stato, il rischio reale (o solo paventato) di una nuova violenza politica, i rapporti interni al movimento NoTav, la repressione e il ruolo dei movimenti nella democrazia italiana contemporanea. Da questa prospettiva, l’intervista a Caselli che trasmetteremo in esclusiva durante la puntata sarà un frammento di una mappa più complessiva che vorremmo disegnare nel corso della trasmissione. Durante la puntata cercheremo di ricostruire un approccio critico e problematico utile a  comprendere meglio la consistenza delle relazioni fra i soggetti e le tematiche qui solo sfiorati.
La vera questione che vorremmo sollevare non entrerà nel merito squisitamente giudiziario delle indagini, ma cercherà di portare alla luce gli effetti politici che queste hanno avuto e avranno nel futuro più prossimo.  A differenza del taglio editoriale spesso utilizzato dagli organi di informazione istituzionali, l’Altra Torino cercherà di immergere il coltello della critica nel cuore profondo delle peculiarità e delle contraddizioni di questa fase storica, nella convinzione che tutte le prospettive in gioco non possano che arricchire, grazie alla loro voce, il dibattito.


Borse EDiSU e Regione Piemonte [L’Altra Torino]


A fine dicembre la Regione Piemonte ha deciso di non stanziare i fondi necessari a coprire le borse di studio degli studenti aventi diritto. L’EDiSU (Ente per il Diritto allo Studio Universitario) in Piemonte sembra non essere in grado di erogare alcuna borsa di studio. Il 10 gennaio gli studenti universitari e i lavoratori dell’EDiSU hanno presidiato il Palazzo della Regione e la sera del 12 gennaio la residenza universitaria in Via Verdi è stata occupata.

Abbiamo seguito il movimento e in diretta vi proporremo le voci dei protagonisti e le ragioni delle istituzioni. Seguiremo le tracce della protesta, ci immergeremo nella dialettica interna al movimento dei borsisti e andremo a caccia delle ragioni politiche che fondano l’operato di Cota.

Con noi in diretta:

Umberto Trabucco – Presidente CdA EDiSU

Luigi Riso – Movimento Borsisti EDiSU


I Beni Comuni, il Comune di Torino [L’ALTRA TORINO]


La giunta comunale ha deliberato in merito alla privatizzazione del 40% delle quote di AMIAT, GTT e TRM. I beni comuni sono tornati al centro del dibattito politico e hanno generato una dialettica accesa nell’opinione pubblica.

Quale orizzonte politico ed economico orienta le scelte della giunta?

Come si pongono i partiti e i movimenti più sensibili alle tematiche dei beni comuni di fronte a una delibera votata da tutta la maggioranza in Consiglio?

L’Altra Torino regalerà un’ora ad alta intensità critica e informativa, a qualche mese di distanza dalla vittoria referendaria.

In studio saranno con noi:

Michele Curto, Consigliere Comunale (SEL)

Andrea Aimar, Officine Corsare

Stefano Risso, Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: